Le caratteristiche delle serrature di sicurezza | Andrea Gresia
1657
post-template-default,single,single-post,postid-1657,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

Detrazioni fiscali per sistemi di sicurezza

Detrazioni fiscali per sistemi di sicurezza

I sistemi di sicurezza relativi ad un immobile, a prescindere dalla sua destinazione d’uso, rientrano in un concetto di accrescimento di valore, un fattore che inciderà sia su quello propriamente di mercato, sia nella sfera di interesse delle agevolazioni fiscali previste dal Governo di cui puoi usufruire.

modalità e tempistiche della detrazione

Difatti attraverso lo strumento delle leggi di stabilità, conosciute anche come manovre di bilancio, si tende a dare impulso a tutti i settori produttivi coinvolti nella realizzazione di opere e interventi strutturali mirati alla valorizzazione immobiliare, con quote massime ammissibili e relative percentuali di detrazione variabili di anno in anno.

Questo ha permesso al comparto dei sistemi di sicurezza attiva e passiva di evolvere in soluzioni che propongono una crescente e concreta risposta all’operato volto ad eluderne l’efficacia, mediante metodi di effrazione che spaziano e si diversificano nell’ambito della stessa specializzazione criminale, dal semplice scasso all’adozione di metodologie tecnologicamente progredite.

Un immobile può prevedere la complementare sinergia di organi blindati, quali porte e serramenti rientranti nella tipologia di sicurezza passiva, e apparati elettronici e informatizzati, come sistemi di allarme e videosorveglianza, di matrice propriamente attiva.

La differenza sostanziale fra le due categorie consiste nel momento di utilità in quanto, mentre i sistemi di sicurezza passiva operano esclusivamente quando l’azione criminale si sta compiendo, quelli attivi intervengono ancor prima, ovvero quando palesemente l’intento è quello di compiere effrazione.

Nonostante gli uni e gli altri possano coesistere quanto operare singolarmente, concorrono entrambi a scoraggiare i propositi che il nostro ordinamento legislativo descrive come atti penalmente illeciti, la cui realizzazione comporti la lesione di diritti giuridicamente protetti, la cui prevenzione rientra a pieno titolo come incentivo alla realizzazione di tutela dei luoghi ove possono verificarsi.

 

quali sono le spese detraibili?

Per questo motivo nell’amibito delle detrazioni fiscali, tutti i costi che potrai sostenere per interventi di applicazione di tali sistemi, sono ammessi come spese detraibili nella dichiarazione dei redditi in misura pari al 50% del totale complessivo.

Ciò potrebbe rappresentare un grande stimolo non solo se sei proprietario di immobili privati, ma anche qualora tu conduca un’azienda che necessita l’adozione nei propri locali di apparati di sicurezza, a patto non rientrino fra i beni strumentali o prodotti.

Queste spese sono equiparate a tutti gli interventi di ristrutturazione edilizia che, secondo quanto riportato nell’art. 16-bis DPR 917/86, sono ammessi in detrazione Irpef con ripartizione in dieci quote annuali costanti, in misura pari al 50%, con limite massimo ammesso fino al 31/12/2018, per una spesa che non ecceda i 96mila euro.

L’elenco delle spese ammissibili alla detrazione fiscale in oggetto include non solo impianti di antifurto o di videosorveglianza, ma anche porte blindate e accessori ad esse riconducibili, come serrature digitali, rosette anti perforazione e così via, senza tralasciare vetri antisfondamento o tapparelle meccaniche e motorizzate.

L’ambito di applicazione prevede anche l’installazione o la sostituzione di catenacci o serrature esterne, spioncini tradizionali o digitali, nonché tutte le opere volte a fortificare la protezione da attacchi esterni, mediante innalzamento di opere murarie e cancellate, ed eventuali apposizioni di varchi di accesso come cancelli o portoni.

Per far si tu possa godere degli incentivi fiscali è necessario che l’insieme di queste installazioni sia realizzato, ovvero interamente saldato, entro il limite di data previsto di fine anno, per poter ricadere nell’ambito delle detrazioni del 50%, rammentando che per quest’ultime non è prevista applicazione per i costi sostenuti con istituti di vigilanza o sorveglianza.

 

Chi può usufruire delle detrazioni?

Le agevolazioni riguardano anche interi condomini oltre che unità immobiliari singole, ma dovrai tenere a mente che, in entrambi i casi, è essenziale che i giustificativi di spesa riportino tutti i dati necessari all’identificazione del beneficiario delle detrazioni con relativo codice fiscale o partita IVA, nonché dell’esecutore delle opere ed eventuali professionisti ad esse interessati, anche a solo titolo di consulenza tecnica.

Potrai usufruire delle detrazioni anche se sei familiare del proprietario dell’immobile, fino al terzo grado o affine entro il secondo, oppure affittuario,usufruttuario e nudo proprietario.

Inoltre anche se sei socio di cooperative o ditte individuali, in ragione del reddito percepito e dell’effettiva possibilità di accedere alla detrazione prevista.

Nell’ambito delle agevolazioni è contemplato anche il regime di applicazione IVA, che viene operata al 10% anziché il normale 22%, ma solo sulla differenza fra il totale della spesa sostenuta e l’effettivo costo del bene o sistema di sicurezza adottato, quindi agevolata sull’insieme delle voci che concorreranno al totale come consulenze, sopralluoghi o perizie.

 

Quali sono le modalità per usufruire delle agevolazioni fiscali?

Il regime di detrazione opererà dal momento in cui, all’atto della dichiarazione dei redditi, sarai in grado di fornire tutte le indicazioni riconducili all’intervento specifico, riportanti i dati catastali dell’immobile interessato, nonché i titoli che riconducono alla condizione giuridica di chi li ha effettuati (proprietario, affittuario e così via).

E’ oltremodo essenziale, pena decadenza dell’ammisibilità alla detrazione delle spese sostenute, che tu abbia provveduto al saldo tramite bonifici con causale certa ed inequivocabile, riportando con cura gli estremi identificativi e fiscali del beneficiario e tuoi, in qualità di ordinante.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]